L’11 E 17 SETTEMBRE OTTAVA EDIZIONE DI “ETNOFOLK”

23 Agosto 2022

Ritorna anche nel 2022 “Etnofolk”, il Festival folkloristico che coinvolge Musei Rurali Trentini e Gruppi Folklorici della provincia e giunto alla sua ottava edizione. La Rete museale dell’etnografia del Trentino è la somma degli interessi e delle attività di quanti nel Trentino si interessano di tradizioni popolari e di cultura del territorio. E’ formata da musei e collezioni etnografiche del territorio, macchine ad acqua che sono state ripristinate e prendono vita a fini dimostrativi, monumenti silvo-pastorali come malghe e caseifici turnari, abitazioni rurali nelle diverse tipologie di valle, attività artigianali che vengono valorizzate nelle loro caratteristiche, il ciclo festivo tradizionale come il Natale e il carnevale, realtà che consentono di percorrere le valli del Trentino alla scoperta di oggetti e luoghi del lavoro dell’uomo nella montagna. Il mondo del folklore, rappresentato dalla Federazione provinciale, ha degli scopi molto simili, anzi, si può dire che il folklore sia nato dall’etnografia, intesa come vivere quotidiano d’un tempo legato al lavoro e all’ambiente. Le parole “Folk” ed “Etnos” infatti si legano entrambe al medesimo sostantivo che significa “popolo”. Il primo evento “Etnofolk” sarà domenica 11 settembre alle 11.00 a Caoria, nella Valle del Vanoi. Lo spettacolo vedrà la collaborazione della locale realtà legata al mondo dell’etnografia  nell’ambito della tradizionale “Festa delle Brise”, da qui il titolo dello spettacolo presentato dal Gruppo Folk Val di Sole “Etnografia e il frutto del bosco”. Il secondo appuntamento del Festival sarà sabato 17 settembre alle 18.00 a Grumes di Altavalle, con l’esibizione dei “Quater Sauti Rabiesi” all’interno della fiera “Città Slow”.